Tre esplosioni hanno scosso la regione orientale del Libano di Bekaa all’inizio di ieri, in quello che era un apparente raid israeliano su posizioni detenute da un gruppo militante palestinese.

Lo sciopero contro il Fronte popolare per la Liberazione della Palestina – Comando generale è venuto come Israele intensificato gli attacchi contro i gruppi Iran-backed nella regione. Un gruppo militante filo-siriano, il PFLP-GC è stato formato nel 1968 da Ahmad Jibril come una propaggine del PFLP marxista-leninista.

Nato nei pressi di Haifa nel 1939, Jibril fuggì in Siria dopo la guerra arabo-israeliana del 1948 e divenne un ufficiale dell’esercito siriano, ha detto Anis Mohsen, giornalista palestinese e attivista per i diritti umani a Beirut.

Nel 1965, l’intelligence siriana lo aiutò a fondare un gruppo armato chiamato Fronte di Liberazione palestinese. Jibril entrò nei negoziati per far parte del PFLP unificato, ma si ritirò prima che fosse ufficialmente creato nel 1967 e fondò il PFLP-GC.

Nella sua storia quinquennale, il PFLP-GC ha sviluppato un nome come piantagrane in Libano e Siria.

“Non hanno mai avuto una buona reputazione”, ha detto Mohsen. Il gruppo è stato coinvolto in diversi conflitti in cui si è schierato con i regimi di Hafez e Bashar Al Assad in Siria.

I militanti sono entrati nella guerra civile libanese del 1975 – che ha imperversato per 15 anni – dalla parte dei siriani, guadagnando notorietà per aver saccheggiato l’oro dalle banche nel centro di Beirut, ha detto Mohsen.

Il gruppo ha anche combattuto contro il leader dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina Yasser Arafat quando è tornato in Libano nel 1983 dopo essere stato estromesso da Beirut l’anno prima. A differenza dell’OLP, il PFLP-GC non riconosce alcun accordo di pace con Israele.

Dopo la fine della guerra civile libanese nel 1990, il PFLP-GC fu una delle sole due fazioni palestinesi a rifiutarsi di disarmare, l’altra era Fatah Al Intifada.

Il figlio di Jibril, Jihad, è stato ucciso in un’autobomba a Beirut nel 2002. Suo padre ha accusato Israele di essere dietro l’omicidio, ma Israele ha respinto la richiesta.

Nonostante sia armato, il potere militare del PFLP-GC in Libano è limitato, impallidendo rispetto al suo alleato Hezbollah, un’altra organizzazione che ha anche rifiutato di disarmare dopo la guerra civile.

Il PFLP-GC mantiene una piccola presenza nei campi palestinesi e ha basi in Libano come Naameh e Qusaya, dove è avvenuto l’attacco di ieri.

Il PFLP-GC ha anche combattuto a fianco delle forze del regime siriano dall’inizio della guerra civile.

” Il PFLP-GC non è importante senza il sostegno di Hezbollah e della Siria. Penso che siano stati presi di mira perché Israele voleva inviare un messaggio che avrebbe potuto attaccare qualsiasi alleato di Hezbollah”, ha detto Mohsen.

Gli israeliani potrebbero anche aver mostrato quanto facilmente potrebbe colpire la regione di Qusaya, un’importante rotta di contrabbando tra Libano e Siria per Hezbollah.

“Poiché l’attacco era al confine con la Siria, avrebbe potuto colpire la logistica di Hezbollah, come una spedizione di armi dall’Iran”, ha detto Aymenn Al Tamimi, un analista indipendente.

L’ultima volta che Israele ha colpito il PFLP-GC in Libano è stato nel 2013, dopo che un gruppo affiliato ad Al Qaeda ha sparato quattro razzi contro Israele. Il PFLP-GC ha negato qualsiasi coinvolgimento nell’attacco.

Aggiornato: Agosto 26, 2019 09: 39 PM

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.